MilanoFinanza

La politica della Ue: mare vestrum, fate vobis. Vale per i migranti e i disoccupati

Se gli Stati Uniti sono arrivati ad avere un presidente come Barack Obama significa che sono stati capaci di aprirsi alla diversità, effettuando politiche di inclusione in un contesto sociale ancora afflitto dal razzismo.

Solo recentemente, sull’onda della globalizzazione e del terrorismo internazionale, hanno eretto barriere insormontabili  e in alcuni casi spietate. Fa parte delle loro contraddizioni. L’Europa, che pure dell’eterogeneità delle sue radici fa la sua caratteristica fondante, è invece chiusa a riccio in una fortezza di regole. Di fronte ai disperati che arrivano in massa sulle coste del Mediterraneo mette in piedi accordi al ribasso, per consentire a ciascun paese di regolarsi con i propri flussi migratori in assoluta autonomia, mentre continua a non avere ricette per i suoi 27 milioni di disoccupati. L’unica politica è: Mare vestrum, fate vobis. In mare come in economia. Ognuno si deve arrangiare come e se può.

Clicca sull’immagine per leggere l’articolo completo

MilanoFinanza