IlMessaggero30dicembre2015

Il Partenone brucia ma non riuscirà a contagiarci

Solo una cosa accomuna l’Italia alla Grecia: devono scegliere a breve un nuovo Capo dello Stato.

Con la differenza che nella patria di Pericle ci si arriverà dopo le elezioni politiche di fine gennaio prossimo, consultazioni dall’esito molto incerto, come i cali diffusi di ieri in quasi tutte le borse europee – a cominciare da quella di Milano – e il rialzo dello spread stanno a dimostrare. Roma ed Atene, il cui listino è crollato, vengono infatti individuate a torto come possibili fattori di instabilità per i prossimi mesi del 2015. Ma i loro destini finanziari sono molto diversi e bene ha fatto il premier Matteo Renzi a sottolinearlo subito. Di noi, più o meno, sappiamo tutto. Possibilità di ripresa (molte) e ostacoli (moltissimi), ricchezze (del patrimonio pubblico e dei privati) e debolezze (debito pubblico e iper-burocrazia), siamo però universalmente riconosciuti come un paese che rispetta i propri impegni anche quando è in difficoltà… Leggi tutto l’articolo in PDF

IlMessaggero30dicembre2015