huffingtonpost

I calcoli che servono prima di rompere il salvadanaio del TFR

Non si vive di solo Jobs Act, che riguarda i futuri nuovi lavoratori. C’è qualcosa in grado di mutare subito i comportamenti di milioni di italiani, che un posto già ce l’hanno.

A giorni queste persone avranno infatti la possibilità di scegliere tra il TFR oggi o la pensione domani: sono pronti a trasformarsi in cicale dopo essere stati per decenni delle laboriose formiche?

È questo il rebus non scritto nella norma voluta dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, per mettere in busta paga un altro po’ di liquidità grazie al versamento (opzionale) di una parte del Trattamento di fine rapporto, operazione che diventerà operativa il prossimo primo marzo. Una scelta che sembra una scommessa sul futuro dell’Italia.

Clicca sull’immagine in basso per leggere l’articolo completo.